documento dedicato al rimodellamento delle orecchie con problemi morfologici tipici, tramite otoplastica (praticata nelle sedi di Milano e Torino)

Elenco degli argomenti (chirurgia e medicina estetica)
Otoplastica. Un intervento consigliato già in età prescolare
Le anomalie morfologiche più comuni
Otoplastica: intervento e post-intervento
Il sito WEB del nostro Studio
Contatti Studi di Milano e Torino

Rassegna stampa/video/TV

OTOPLASTICA

LE ORECCHIE AD ANSA (COSIDDETTE “ORECCHIE A SVENTOLA”)

La moda dei capelli corti ha riportato in auge nell’uomo un intervento che, quando le chiome maschili prosperavano, era passato un po’ in second’ordine: l’otoplastica, cioè l’operazione che consente di rimodellare le orecchie troppo staccate dalla testa, troppo vistose ed ingombranti, a volta addirittura un po’ ridicole. Il problema delle orecchie ad ansa, le cosiddette “orecchie a sventola”, è un problema esclusivamente estetico: le orecchie troppo grandi o troppo staccate dal cranio non fanno udire né meglio, né peggio...
Torna a selezione argomenti

un intervento consigliato già in età prescolare, verso i cinque anni: a quell’età l’orecchio è già perfettamente conformato...
un intervento consigliato già in età prescolare, verso i cinque anni: a quell’età l’orecchio è già perfettamente conformato...

Questo è un intervento che il dottor Santanchè (che opera nelle consuete sedi di Milano e Torino) consiglia già in età prescolare, verso i cinque anni: a quell’età l’orecchio è già perfettamente conformato e può essere corretto prima che i compagni di scuola, con la ben nota perfidia dei bambini, perseguitino il malcapitato.
Sul nostro sito potrete inoltre visionare alcuni esempi di interventi, con fotografie comparative prima e dopo l’intervento di otoplastica

Se desideri, qui puoi visualizzare fotografie sull'argomento otoplastica

Torna a selezione argomenti


LE ANOMALIE MORFOLOGICHE PIÙ FREQUENTI  

La conformazione delle orecchie a sventola può essere di vari tipi, cioè sono più d’uno i motivi che possono tenere le orecchie troppo staccate dalla testa.

L’orecchio è formato da una cartilagine rivestita di cute che presenta diverse parti: la conca, che è la parte con cui l’orecchio si attacca alla testa e che è la continuazione del meato acustico esterno; l’antelice, che è la piega che delimita la conca nel punto in cui questa si continua con il padiglione; l’elice, che è la piega che contorna il margine più esterno del padiglione, fino al lobo dell’orecchio.

Se manca la piega detta antelice il padiglione assume un’angolazione troppo aperta e risulta troppo staccata dalla testa; stessa cosa avverrà se la conca è troppo grande, anche se l’antelice è correttamente conformata. Spesso queste due anomalie coesistono, accentuando la “sventola”.
Talvolta il difetto si presenta da un lato solo, spesso comunque un orecchio è più sporgente dell’altro.
Torna a selezione argomenti


OTOPLASTICA: Intervento e post intervento 

Per correggere il difetto è necessario intervenire sulle cartilagini interessate mediante otoplastica, riducendo la conca (cioè togliendo uno spicchio di cartilagine) quando questa è troppo grande rimodellando l’antelice (cioè ricreando la piega mancante) quando questa non si è formata o, come nella maggior parte delle volte, ambedue le cose. Per accedere alle cartilagini si effettua una piccola incisione sulla faccia posteriore delle orecchie, proprio nella piega dove l’orecchio si attacca alla testa e dove la sottile cicatrice che ne deriverà sarà perfettamente nascosta ed invisibile a sguardi indiscreti.

A volte le orecchie, oltre che troppo distaccate dalla testa, sono proprio troppo grandi: in questi casi anche le dimensioni sia del padiglione, sia del lobo dell’orecchio potranno essere modificate e ridotte.

Negli adulti l’intervento di otoplastica può essere eseguito con una semplice anestesia locale, che è più che sufficiente a rendere l’operazione assolutamente indolore, eventualmente associata ad una blanda sedazione; in questo caso l’intervento è ambulatoriale. Nel caso dei bambini, è più consigliata una leggera narcosi, che consentirà comunque l’esecuzione in regime di day-surgery, cioè con poche ore di degenza.

Come medicazione in seguito ad otoplastica, si applica una leggera fasciatura per 24 ore, dopodiché è già possibile lavarsi la testa e riprendere una vita normale; per le attività sportive sarà meglio aspettare un paio di settimane. Prima dell’intervento, anche se in anestesia locale, vengono fatte eseguire le analisi del sangue e l’elettrocardiogramma.
Torna a selezione argomenti


intervento consigliato già in età pre-scolare

una semplice fasciatura per 24 ore

otoplastica - dove siamo